Emergenza di Luci: Una Guida Ampia ai Vari Fenomeni di Emissioni di Atomi

Gli spettri atomici rappresentano lo spettro della radiazione elettromagnetica emessa o assorbita da un elettrone durante le transizioni tra diversi livelli energetici all'interno di un atomo. Questi spettri vengono formati quando un elettrone è eccitato da un livello energetico a un altro, emettendo...

Chimica Online

6 Esercizi di Approfondimento sul Principio di Archimede: Guida Completa

Si propongono 6 esercizi sul principio di Archimede che...

Analisi dettagliata e applicazioni pratiche del potente esfoliante organico utilizzato in dermatologia

Il 5-idrossi-2-(idrossimetil)-4H-piran-4-one, noto come acido cogico (KA), ha formula...

Esplorazione approfondita del componente elettronico noto come condensatore

Un condensatore è un dispositivo utilizzato per immagazzinare carica...

Ultimi Articoli

Riarrangiamento di Hofmann e di Curtius a confronto

Il riarrangiamento di Hofmann  e quello di Curtius, sono largamente utilizzati nell'ambito della chimica organica, hanno uno stesso stadio in comune ovvero la formazione di un isocianato. Le due reazioni sono due esempi di un'intera famiglia di reazioni di riarrangiamento che condividono un passo meccanicistico comune. Le reazioni, tuttavia, partono da un reagente diverso infatti il riarrangiamento di Hofmann avviene a partire da un'ammide mentre quello di Curtius da una acil azide Meccanismo Nel riarrangiamento di Hofmann un’ammide viene...

pH di un’acqua contenente CO2: equilibri, legge di Henry

Il pH di un'acqua contenente CO2 non è neutro in quanto è influenzato dalla solubilità del biossido di carbonio contenuto nell'aria. La fonte più comune di acidità dell’acqua è dovuta infatti alla quantità di biossido di carbonio in essa disciolta proveniente in gran parte dall’atmosfera. E’ presente pertanto il seguente equilibrio tra l’anidride carbonica disciolta in acqua e quella presente allo stato gassoso nell’atmosfera: CO2(g) ⇌ CO2(aq) Legge di Henry La quantità di CO2 disciolta nell’acqua può essere calcolata...

Niobio: catalizzatore in celle a combustibile

Il niobio è un metallo duttile e malleabile che cristallizza secondo una struttura cristallina cubica a facce centrate. In uno studio effettuato presso la Federal University in Brasile si è ipotizzato che il niobio e il glicerolo possano costituire una soluzione nella produzione di celle a combustibile. Reazione Nella cella, l'energia chimica della reazione di ossidazione del glicerolo all'anodo e la riduzione dell'ossigeno presente nell'aria al catodo èconvertita in energia elettrica secondo la reazione: 2 C3H8O3 + 7...

Alogenuri metallici: sintesi, proprietà

Gli alogenuri metallici sono composti binari costituiti da un metallo e un alogeno legati tra loro tramite un legame ionico come NaCl o covalente come PdCl2. Lo iodio che è il meno elettronegativo tra gli alogeni è quello che tende più degli altri a formare legami covalenti. Sintesi Gli alogenuri metallici sono preparati, in generale, facendo reagire il metallo con l’alogeno secondo la reazione: 2 Me + n X2 → 2 MeXn Essendo M il metallo e X l’alogeno Gli...

Contributi dei moti alla capacità termica

Se a un dato un generico corpo a temperatura T1 è somministrata energia sotto forma di calore q esso si porterà a una temperatura T2 ovvero  ha avuto una variazione di temperatura pari a T2-T2. Detta ΔT questa variazione si definisce capacità termica C il rapporto tra la quantità di calore trasferita al corpo e la variazione di temperatura ovvero: C = q/ΔT Quanto maggiore è la capacità termica tanto minore è l’effetto di un flusso...

Esercizi con l’equazione di Nernst

L' equazione di Nernst  è usata per calcolare il potenziale di una  cella quando una reazione è condotta in condizioni non standard ovvero le concentrazioni delle specie sono diverse da 1 M. Il potenziale di una cella in condizioni standard è calcolato sommando il potenziale di ossidazione al potenziale di riduzione. Ad esempio per la cella in cui avviene la reazione: Zn + Cu2+ → Zn2+ + Cu Il potenziale è calcolato dai potenziali normali di riduzione...

Massa atomica: influenza degli isotopi

La massa atomica di un atomo corrisponde alla massa di un singolo atomo ed è espressa in kg o g. Gli atomi di ciascun elemento sono caratterizzati dall’avere un determinato numero atomico che corrisponde al numero di protoni ovvero di particelle con carica positiva contenuti nel nucleo. L’atomo è una particella neutra e poiché gli elettroni hanno carica negativa il numero di protoni è uguale al numero di elettroni. Isotopi Il numero di neutroni, invece, può variare: atomi...

Calcolo del prodotto di solubilità dalla solubilità in g/L: esercizi

Il valore del prodotto di solubilità si ottiene conoscendo la solubilità di un elettrolita poco solubile . In genere è fornita la solubilità molare ma in alcuni casi la solubilità viene espressa in termini di g/L o g/mL. Il primo passaggio da fare, prima di ottenere il valore del prodotto di solubilità, è quello di ottenere la solubilità molare. Se la solubilità è espressa in g/L basta dividere questo valore per la massa molare la cui unità...

Velocità di reazione: esercizi

La velocità di una reazione è influenzata da numerosi fattori quali temperatura, concentrazione, pH, superficie di contatto, catalizzatori. Consideriamo la reazione di sintesi fra le sostanze A e B che formano la sostanza C: a A + b B → c C Legge della velocità della reazione A temperatura costante, la dipendenza della velocità di questa reazione dalla concentrazione dei reagenti è data dall’equazione: v = K mn che esprime matematicamente la legge della velocità della reazione. Dove v indica la...

Nitrato: struttura, solubilità, usi

Il nitrato è la base coniugata dell’acido nitrico ed è presente in numerosi sali come il nitrato di sodio, di ammonio, di potassio e di argento che sono solubili in acqua come quasi tutti i nitrati. Il nitrato è un anione poliatomico con formula NO3- che si presenta stabilizzato per risonanza  dalle seguenti strutture limite: in cui l’azoto che presenta una carica positiva è legato a tre atomi di ossigeno di cui uno tramite doppio legame e...

Ioni: proprietà

Gli ioni sono particelle cariche che possono avere carica positiva detti cationi o carica negativa detti anioni. Michael Faraday nella prima metà del XIX secolo nell’ambito dei suoi studi sull’elettrochimica coniò il termine ione. Usò questo termine per descrivere quelle particelle che si muovono verso il catodo o verso l’anodo. Il termine infatti deriva dal greco ιον participio presente del verbo ιεναι che significa “che si muove”. Sia gli ioni positivi che negativi possono essere costituiti...

Entropia e passaggi di stato: termodinamica

Da un punto di vista qualitativo si può prevedere che un passaggio di stato è accompagnato da una variazione di entropia. Ad esempio durante l’ebollizione avviene il passaggio di stato da liquido a vapore e poiché il disordine molecolare è maggiore deve verificarsi un aumento di entropia. Analogamente si può prevedere una diminuzione di entropia quando avviene la solidificazione. Si considerino le transizioni di fase dell’acqua che alla pressione atmosferica avvengono rispettivamente a 0°C e a 100°C. Alla...

Entropia di generazione: termodinamica

L'entropia di generazione è la quantità di entropia prodotta in tutti processi irreversibili  come quelli di trasferimento di massa e di calore Sulla base del primo principio della termodinamica se è erogato calore in un sistema esso non si trasforma tutto in lavoro ma parte di esso viene trasformato in altre forme di energia. Si consideri un sistema contenente un gas libero di espandersi in un contenitore vuoto collegato ad un altro da una valvola. Quando...

Esercizi sull’equazione di Henderson-Hasselbalch

Gli esercizi sull'equazione di Henderson-Hasselbalch sono tra i più svariati e quelli che presentano maggiori difficoltà sono relativi a soluzioni tampone contenenti acidi diprotici o poliprotici. Gli esercizi più semplici sono quelli in cui si conoscono già le moli dell'acido debole e della sua base coniugata. Le soluzioni tampone sono costituite da un acido debole e dalla sua base coniugata o da una base debole e dal suo acido coniugato. Hanno la caratteristica di variare di...

Possibili assunzioni nella risoluzione di un equilibrio

Molti problemi relativi all’equilibrio chimico si riducono alla risoluzione di un’equazione di 2° e, in molti casi, di 1°. Vi sono tuttavia casi in cui l’equazione da risolvere è di grado superiore al secondo e ciò rende difficile ottenere il risultato a meno che non si facciano delle assunzioni che portano a semplificare il problema. Viene esaminato uno di questi casi al fine di evidenziare se e quali possibili strategie possono essere messe in...

Esaacquoioni: reazioni con il carbonato, formazione di complessi

Gli esaacquoioni sono composti di coordinazione in cui lo ione di un metallo di transizione presente in soluzione coordina intorno a sé sei molecole di acqua Quando un sale contenente un metallo di transizione è disciolto in acqua forma complessi  spesso colorati in cui l’acqua agisce da legante. Formazione di complessi Gli ioni dei metalli di transizione, che possono presentarsi come M2+ (Fe2+, Co2+ e Cu2+) o come M3+ (Al3+, V3+, Cr3+ e Fe3+) formano complessi del tipo 2+ e 3+ rispettivamente. A seconda che...

L’importanza degli agenti chelanti nella rimozione di metalli pesanti

Agenti chelanti: importanti composti per diverse applicazioni Gli agenti chelanti sono sostanze chimiche con la capacità di legare uno o più ioni metallici grazie a diversi gruppi funzionali. Questo processo forma complessi anellici che stabilizzano gli ioni metallici e impediscono reazioni indesiderate. Questi composti trovano impiego in settori quali la chimica, la biologia e le scienze ambientali, contribuendo significativamente a un ambiente più sicuro e sostenibile. Composizione e funzionamento degli agenti chelanti Gli agenti chelanti sono costituiti...

Titanato di calcio per applicazioni chimiche

Titanato di calcio: applicazioni e proprietà Il titanato di calcio CaTiO3 (CT) è un composto di titanato metallico con una struttura perovskitica che ha suscitato un notevole interesse nella ricerca sui materiali, sia a livello fondamentale che applicato. La perovskite è costituita da titanato di calcio ed è uno dei composti di ossidi ternari più studiati in ambito scientifico. Si tratta di un semiconduttore di tipo n, resistente agli agenti chimici, con alte costanti...

Esercizi sulle leggi di Keplero per l’apprendimento a casa

Le leggi di Keplero relative alle leggi che regolano il moto dei pianeti furono proposte dall’astrologo e matematico tedesco Johannes Kepler che le dedusse dalle numerose osservazioni effettuate dall’astronomo danese Tycho Brahe (1546-1601) che fu l’ultimo dei grandi astronomi a fare osservazioni senza l’uso del telescopio. Le leggi di Keplero diedero un forte impulso alla teoria Copernicana o eliocentrica secondo la quale, in opposizione alla teoria Tolemaica o geocentrica, il Sole è immobile al centro dell’Universo e la Terra è un pianeta che ruota sul...

Stannato di zinco: ZTO

Lo stannato di zinco o ossido di zinco–stagno (ZTO) è un ossido ternario noto per la sua stabilità in condizioni estreme, maggiore mobilità degli elettroni rispetto agli ossidi binari e interessanti proprietà ottiche. Infatti lo stannato di zinco è adatto in varie applicazioni come display a schermo piatto, celle solari a film sottile, rivestimenti per finestre, elettrodi conduttori trasparenti e come materiale anodico nelle batterie a ioni litio. Le ricerche nel campo delle nanotecnologie nel campo dei semiconduttori hanno portato alla rivalutazione di ossidi ternari...

Scoprire l’Isatina : un’anomalia molecolare con proprietà eterocicliche

L'isatina, noto anche come tribulina, è un composto eterociclico appartenente alla classe dei dichetoni con formula C8H5NO2. È stato scoperto nel 1840 da Otto Linné Erdmann e Auguste Laurent attraverso l'ossidazione del colorante indaco con acido nitrico e acido cromico. Presenza naturale e scoperte rilevanti Inizialmente considerato un composto puramente sintetico, l'isatina è stato successivamente individuato in varie piante come Isatis tinctoria, Calanthe discolor e Couroupita guianensis. È stato anche identificato come componente della secrezione della...

Ossido di grafene : Produzione e caratteristiche

L'ossido di grafene (GO) è una forma ossidata del grafene che possiede proprietà eccezionali, come una ampia superficie, un'elevata stabilità e buone proprietà elettriche, termiche, meccaniche e strutturali. Inoltre, le sue proprietà possono essere modificate attraverso la funzionalizzazione. La struttura del GO è costituita da strati di carbonio con gruppi funzionali contenenti ossigeno, come carbonili, carbossili, ossidrili ed epossidici, rendendolo un materiale versatile per la sintesi di derivati del grafene come fluorografene, bromografene e grafano. Proprietà...

BHA: β-idrossiacidi da studio

Scopri i β-idrossiacidi e la loro presenza naturale I β-idrossiacidi, noti come BHA, sono composti organici che presentano il gruppo carbossilico e il gruppo funzionale idrossi sul carbonio in posizione β. Questi gruppi funzionali sono separati e non si trovano su atomi di carbonio vicini. Origine naturale e presenza di BHA I β-idrossiacidi si trovano in prodotti naturali come la frutta fresca (come papaya, ananas e frutti di bosco), nei latticini (latte e yogurt) e nella...

Transizioni elettroniche da alcune sostanze organiche

**Transizioni elettroniche: un'analisi delle reazioni chimiche in alcune sostanze organiche** Le transizioni elettroniche sono fenomeni che si verificano quando gli elettroni assorbono energia e passano da uno stato energetico base a uno stato eccitato, per poi rilasciare questa energia sotto forma di fotoni durante il ritorno allo stato base. Questo processo fu teorizzato da Niels Bohr nel 1913 e successivamente dimostrato sperimentalmente da James Franck e Gustav Ludwig Hertz. Tali studi hanno confermato l'esistenza...

Sintesi idrotermale da sito specializzato

Metodo di produzione di nanomateriali tramite sintesi idrotermale La sintesi idrotermale è un processo chimico che avviene a temperature elevate e sotto pressione, solitamente comprese tra 100 e 400°C. Il metodo coinvolge l'uso di un'autoclave che può operare a diverse pressioni, temperature e volumi, dove l'acqua svolge un ruolo fondamentale come solvente. Questo processo riproduce le condizioni naturali in cui si formano minerali strutturalmente complessi, ma a temperature e pressioni meno estreme. Uno dei primi...

Circuleni: nuove frontiere della chimica molecolare

I circuleni sono composti organici caratterizzati da una struttura molecolare composta da anelli benzenici fusi insieme per formare un anello chiuso, che rappresentano un campo di ricerca affascinante e in continua evoluzione. Questi idrocarburi policiclici aromatici includono i fullereni, i nanotubi, i corannuleni e gli eliceni, e sono oggetto di numerosi studi nel campo della chimica molecolare. ## Ricerca e scoperte sui Circuleni Il chimico tedesco Henning Hopf è stato insignito del Premio Primo Levi...

Acido fosfomolibdico da fabbrica

**Proprietà e Utilizzi dell'Acido Fosfomolibdico in Ambito Industriale** L'acido fosfomolibdico (PMA) rientra nella categoria degli eteropoliacidi, insieme all'acido fosfotungstico e all'acido silicotungstico, ed è impiegato come catalizzatore eterogeneo in vari processi industriali, per via della sua considerata efficienza e compatibilità ambientale. La sua formula chimica corrisponde a H3PMo12O40, ma è usualmente rinvenuto sotto forma di dodecaidrato H3PMo12O40 · H2O, ottenuto dalla combinazione di 12 molecole di triossido di molibdeno (VI) e una molecola di acido...

Analisi degli alimenti. Valutazione dei valori nutrizionali e qualità.

Valutazione dei valori nutrizionali e qualità degli alimenti: importanza e tecniche di analisi L'analisi degli alimenti è volta a garantire la qualità e la conformità ai requisiti normativi nazionali e internazionali, nonché all'etichettatura dei nutrienti. Questa pratica mira a caratterizzare i prodotti alimentari in termini di composizione chimica, sicurezza, tracciabilità, percezione sensoriale e valore nutrizionale. Le ricerche sull'analisi degli alimenti si concentrano sul valore nutrizionale, sulla freschezza, sugli additivi, sui componenti tossici e sull'effetto di...

Acido tungstosilicico da fabbricante

Acido tungstosilicico: scopri le caratteristiche e le applicazioni L'acido tungstosilicico, conosciuto anche come acido silicotungstico, è un tipo di eteropoliacido con la formula chimica H4SiW12O40. Comunemente si presenta nella forma idrata H4SiW12O40∙nH2O. Gli eteropoliacidi (HPAs) sono acidi inorganici con strutture molecolari ben definite, composti da ossiacidi inorganici di fosforo, silicio, tungsteno, molibdeno e vanadio. Alcuni esempi includono l'acido fosfotungstico H3PW12O40 e l'acido fosfomolibdico H3PMo12O40. La struttura dell'acido tungstosilicico segue il modello Keggin, rappresentato da n-,...

Reazione di Ritter: meccanismo

Reazione di Ritter: meccanismo e applicazioni industriali La sintesi delle ammidi tramite la reazione dei nitrili con alcoli o alcheni in presenza di acido solforico è nota come reazione di Ritter. Questo processo è ampiamente utilizzato nell'industria per ottenere un'ampia varietà di ammidi con elevate rese. **Meccanismo della reazione** Il processo inizia con la formazione di un carbocatione in ambiente acido, rendendo gli alcoli terziari particolarmente adatti per questa reazione. L'ambiente acido provoca la protonazione del...

Premio Nobel per la Chimica 2019: batterie agli ioni litio

Premio Nobel per la Chimica 2019: Avanzamenti delle Batterie agli Ioni di Litio La Royal Swedish Academy of Sciences ha assegnato il Premio Nobel per la Chimica del 2019 a tre rinomati scienziati per i loro straordinari contributi nello sviluppo delle batterie agli ioni di litio. I premiati sono il tedesco John B. Goodenough, il britannico M. Stanley Whittingham e il giapponese Akira Yoshino. I loro nomi si aggiungono alla lista di illustri scienziati che...

Acido fosforoso: sintesi, usi

**Acido fosforoso: sintesi e usi** L'acido fosforoso con formula H₃PO₃ è uno degli ossiacidi del fosforo, in cui questo elemento ha un numero di ossidazione +3. L'acido fosforoso è ampiamente impiegato come agente riducente, nella produzione di superfosfati, mangimi per bestiame, come additivo per benzine e nel lattice di gomma coagulante. Si presenta come un solido incolore, inodore e igroscopico e presenta una geometria molecolare tetraedrica. Il composto è uno dei vari ossiacidi del fosforo e...

Esempi di reazioni di dimerizzazione

Le reazioni di dimerizzazione si verificano quando due composti simili reagiscono insieme per formare un dimero, in cui i monomeri originali possono formare legami covalenti o intermolecolari. Tuttavia, vi sono casi di reazioni di dimerizzazione anche tra monomeri di diversa natura. Esempio di dimerizzazione di acidi di Lewis Un esempio è dato dal cloruro di alluminio, in cui l'alluminio, essendo un acido di Lewis, forma il dimero Al2Cl6 per completare il suo guscio elettronico di...

Elettrodi: materiali e proprietà

Materiali e caratteristiche degli elettrodi: tutto quello che devi sapere Gli elettrodi sono realizzati principalmente con diversi materiali come il rame, la grafite, l'argento, il titanio e il platino. Ogni materiale ha proprietà specifiche che influenzano le prestazioni dell'elettrodo. **Proprietà degli elettrodi** Le proprietà degli elettrodi dipendono dalle caratteristiche intrinseche del materiale, tra cui: - Buona conduttività elettrica - Resistenza alla corrosione - Durezza - Forma - Dimensioni La conduttività elettrica è misurata in Siemens∙m^-1 ed è essenziale per la capacità di...

Concentrazione di una base debole per la precipitazione: esercizi

Determinazione della concentrazione di una base debole per la precipitazione: esercizio Nell'ambito dello studio degli equilibri eterogenei, si può presentare il caso di una soluzione contenente un catione a concentrazione nota che forma un idrossido poco solubile e si voglia determinare la concentrazione necessaria di una base debole per far avvenire la precipitazione. Esercizio: Si consideri una soluzione di FeCl2 con una concentrazione di 0.0030 M. Si vuole determinare la concentrazione di NH3 necessaria per far...

Determinazione della formula minima: esercizi

Calcolo della formula minima: esempi pratici La formula minima di un composto, conosciuta anche come formula empirica, rappresenta il rapporto minimo tra gli atomi che compongono una molecola. Ad esempio, il benzene ha una formula molecolare di C6H6, il che significa che la sua formula minima è CH. Allo stesso modo, il perossido di idrogeno, con formula molecolare H2O2, ha formula minima HO. Di seguito sono riportati degli esercizi pratici per determinare la formula minima di...

Le reazioni chimiche: tutto ciò che devi sapere per comprendere come funzionano

Scopri tutto ciò che c'è da sapere sulle reazioni chimiche. Leggi il nostro articolo per capire come funzionano e per imparare a bilanciare le equazioni

Benzene sostituito: reazioni

Benzene sostituito: Reazioni e proprietà degli alchilbenzeni Il benzene sostituito è un composto chimico in cui uno o più atomi di idrogeno dell'anello aromatico sono sostituiti da gruppi alchilici o eteroatomi. In particolare, gli alchilbenzeni sono caratterizzati dalla presenza di un atomo di carbonio legato direttamente all'anello benzenico. Un esempio comune di composto appartenente a questa categoria è il toluene, in cui un atomo di idrogeno del benzene è sostituito da un gruppo -CH3. Il...

Adenosinmonofosfato e sue funzioni vitali

L'adenosinmonofosfato (AMP) è un nucleotide composto dalla base azotata adenina, legata al ribosio e ad un gruppo fosfato. Questo nucleotide svolge un ruolo cruciale in molteplici processi metabolici cellulari ed è presente in tutte le forme di vita. Il principale regolatore del bilancio energetico, la 5' AMP-attivata o AMPK, agisce tramite la soppressione delle vie anaboliche che consumano ATP e il potenziamento delle vie cataboliche che lo producono. L'equilibrio energetico delle cellule dipende...

Tocoferolo acetato: proprietà, usi

**Tocoferolo acetato: scopri le proprietà e gli usi di questa forma sintetica della vitamina E** Il tocoferolo acetato, noto anche come vitamina E acetato, è una forma sintetica della vitamina E ed è un estere dell'acido acetico e dell'α-tocoferolo. A differenza della vitamina E naturale ottenuta da oli vegetali, il tocoferolo acetato è prodotto da derivati del petrolio. La vitamina E naturale è costituita principalmente dall’α-tocoferolo, che è il suo isomero attivo. Tuttavia, il tocoferolo...

Reazioni dei derivati degli acidi carbossilici

Derivati degli acidi carbossilici: reattività e meccanismo delle sostituzioni Nei composti noti come derivati degli acidi carbossilici si riscontra la presenza di un gruppo carbonilico legato a un atomo diverso da un ossigeno, come nel caso degli esteri, delle anidridi, delle ammidi, dei tioesteri o degli alogenuri acilici. Questo gruppo funzionale influenza la reattività di tali composti in seguito alla sostituzione nucleofila acilica, distinguendoli da aldeidi e chetoni. Diversamente da aldeidi e chetoni, nei derivati...

Bilancio di carica: esercizi

Come gestire il bilancio di carica per le soluzioni chimiche Il bilancio di carica è un concetto fondamentale in chimica che consente di determinare la concentrazione delle diverse specie ioniche presenti in una soluzione in equilibrio. In questo contesto, è importante considerare l'elettroneutralità della soluzione, ovvero la somma delle cariche positive deve essere pari alla somma delle cariche negative. Quando si tratta di equilibri simultanei, è necessario formulare un sistema di equazioni che tenga conto...

Forme allotropiche del fosforo

Le diverse forme allotropiche del fosforo Il fosforo, come molti altri elementi appartenenti principalmente ai Gruppi 13, 14, 15 e 16 della Tavola Periodica, può manifestarsi in diverse forme allotropiche. Queste mostrano variazioni nelle proprietà fisiche e chimiche, nonostante abbiano lo stesso stato di aggregazione. Le principali forme allotropiche del fosforo sono: - Fosforo bianco - Fosforo rosso - Fosforo nero Fosforo bianco Il fosforo bianco è la forma allotropica più diffusa. Si presenta come una sostanza cerosa e traslucida,...

Capacità termica del calorimetro: esercizi

Calcolo della capacità termica del calorimetro La capacità termica è una grandezza estensiva che si misura in Joule per Kelvin (J/K) o calorie per Kelvin (cal/K). Quando due corpi a diverse temperature vengono messi in contatto tra loro, avviene uno scambio di calore fino a raggiungere l'equilibrio termico. La capacità termica di un corpo si può misurare conoscendo il calore fornito e la variazione di temperatura attraverso la formula: C = Q/ΔT, dove Q rappresenta...

Riarrangiamento di Curtius: meccanismo

Riarrangiamento di Curtius: meccanismo e applicazioni Il riarrangiamento di Curtius è una reazione versatile che consente la conversione di un alogenuro acilico in un isocianato attraverso la formazione di un intermedio di acil azide in condizioni blande. Questa reazione, anche conosciuta come degradazione di Curtius, è stata descritta per la prima volta dal chimico tedesco Theodor Curtius nel 1885. Meccanismo del riarrangiamento di Curtius Il processo inizia con la formazione dell’acil azide dalla reazione tra un...

Reazioni di riarrangiamento: intramolecolari, pericicliche, esempi

Reazioni di riarrangiamento: tipologie e esempi Le reazioni di riarrangiamento comportano la migrazione di un atomo o di un legame da un punto all'altro all'interno di una molecola. Sono processi che si verificano in diverse tipologie di reazioni, come addizioni, eliminazioni e sostituzioni, al fine di produrre composti termodinamicamente più stabili. Le reazioni di riarrangiamento possono avvenire sia su ioni carbonio che su eteroatomi come ossigeno e azoto. Reazioni intramolecolari Le reazioni di riarrangiamento intramolecolari rappresentano esempi...

La reazione di degradazione di Hofmann: meccanismo e applicazioni

La degradazione di Hofmann è una reazione chimica che trasforma un'ammina primaria in un'ammide primaria. Questa reazione è caratterizzata dall'ossidazione dell'azoto seguita da un riarrangiamento del gruppo carbonilico e dell'azoto che porta alla formazione di un isocianato intermedio. Questa trasformazione avviene in condizioni calde, in ambiente basico e in presenza di un alogeno, generando una vasta gamma di prodotti, inclusi le ammine alchiliche. La reazione di degradazione di Hofmann rappresenta un esempio di processo...

Anfotero: comportamento di metalli, ossidi, idrossidi e amminoacidi

Anfotero: comportamento di metalli, ossidi, idrossidi e amminoacidi Un composto anfotero è in grado di comportarsi sia da acido che da base. Il termine deriva dal greco ἀμϕότερος, che significa "l'uno e l'altro di due". ### Comportamento anfotero Il comportamento anfotero è evidente nell'acqua, che si comporta da base in presenza di acido e da acido in presenza di base. Un altro esempio di composto anfotero è rappresentato da alcuni sali di acidi poliprotici come l'ione H2PO4–,...

Attenzione all’acido beenico : aumenta il colesterolo nell’uomo

Presente nell’olio di arachidi e in molti alimenti come noci di macadamia, semi di girasole e arachidi, l'acido beenico aumenta il livello di colesterolo

Liasi: sottoclassi, reazioni

Liasi: sottoclassi, definizioni e esempi Le liasi sono enzimi che catalizzano reazioni nelle quali avviene la rottura di vari tipi di legami chimici, in processi differenti dall'idrolisi e dall'ossidazione. Spesso si verifica la formazione di un nuovo doppio legame o una struttura ad anello che riveste un'importante funzione biologica. Classificazione e Sottoclassi delle Liasi Nel sistema di classificazione degli enzimi mediante numero EC, le liasi appartengono alla categoria EC 4. Esistono ulteriori suddivisioni: EC 4.1: includono le...

Propene: sintesi, reazioni

Propene: produzione, caratteristiche e utilizzi Il propene, anche conosciuto come propilene, è un idrocarburo insaturo appartenente alla famiglia degli alcheni, caratterizzato dalla formula CH2=CH-CH3. Si presenta sotto forma di gas incolore con un odore simile a quello del petrolio ed è utilizato come materia prima per la sintesi del polipropilene. Sintesi del propene Il propene viene ottenuto principalmente attraverso due processi: lo steam cracking, che consiste nella pirolisi degli idrocarburi del gas naturale in presenza di...

Nitrosammine: generalità

Le nitrosammine: caratteristiche e sorgenti di formazione Le nitrosammine sono composti organici che contengono un gruppo nitroso legato all'atomo di azoto nelle ammine. Queste sostanze sono presenti nel fumo di sigaretta, in quanto si formano durante la combustione della nicotina. Possono anche essere rilevate nell'aria e nell'acqua. La sintesi delle nitrosammine avviene tramite la reazione delle ammine con ioni nitrosili, generati in situ dalla reazione del nitrito di sodio in ambiente acido. L'acido nitroso così...

Diagrammi di fase. Soluzione solida completa

Diagrammi di fase: Soluzione solida completa I diagrammi di fase rappresentano le fasi di equilibrio in base a varie combinazioni di variabili di stato. Uno degli esempi più significativi è il diagramma di stato associato ai sistemi binari, in cui i due componenti sono completamente miscibili tra loro, sia nello stato solido che liquido. Il diagramma dei sistemi binari con soluzione solida completa presenta un comportamento simile a quello mostrato nella figura qui sotto: !(https://chimica.today/wp-content/uploads/2019/09/clip_image002_thumb-73.png) Questo diagramma...

Il serpente del faraone: tra chimica e magia

**La reazione del serpente del faraone: tra la magia e la chimica** La reazione del serpente del faraone è un fenomeno affascinante che attrae l'attenzione non solo degli esperti del settore, ma anche degli appassionati di scienza. La trasformazione di uno o più reagenti in prodotti di reazione attraverso la rottura dei legami e la formazione di altri costituisce il cuore di una reazione chimica. Non sempre è visibile, ma possono verificarsi cambiamenti come la...

L’albero di Diana: magia o chimica?

Il segreto dell’albero di Diana: un enigma chimico svelato L’albero di Diana, noto anche come albero dei filosofi, rappresenta un affascinante fenomeno con il suo deposito dendritico di argento. Questa struttura cristallina evoca l'immagine di un albero, dando vita a suggestioni magiche, ma la sua formazione è il risultato di una reazione di ossidoriduzione. Il noto neurologo Oliver Sacks, oltre alla sua celebre opera nel campo della neurologia, ha condiviso la sua passione per la...

Le bustine da tè rilasciano microplastica

Microplastica nelle bustine del tè: un problema ambientale e di salute pubblica Le bustine del tè, comunemente realizzate con fibre naturali, sembrano rilasciare microplastica, secondo i ricercatori della McGill University di Montreal. Le bustine sono realizzate principalmente con fibre di canapa naturale unite a fibre termoplastiche per garantire la loro resistenza. Secondo gli esperti, una tranquillizzante tazza di tè caldo può contenere micro e nanoplastiche. Gli effetti di questa contaminazione sono attualmente oggetto di ulteriori...

Gruppo 3 (Sc, Y, La, Ac): proprietà, reazioni

Il Gruppo 3 (Sc, Y, La, Ac) e le loro proprietà Il Gruppo 3 comprende gli elementi scandio, ittrio, lantanio e attinio, appartenenti al blocco d della tavola periodica. Alcune fonti suggeriscono che invece del lantanio e dell'attinio, il lutezio e il laurencio possano far parte di questo gruppo, ma la questione è ancora in sospeso in attesa di una raccomandazione ufficiale dall'IUPAC. Caratteristiche e reazioni degli elementi del Gruppo 3 Questi elementi presentano proprietà simili...

Saggi ai tubicini: analisi qualitativa

Analisi qualitativa dei saggi ai tubicini: procedure e riconoscimenti I saggi preliminari per via secca su un campione sconosciuto consentono di confermare o escludere la presenza di un catione o di un anione, e sono quindi fondamentali per l'analisi qualitativa. Per esaminare i cationi, si possono utilizzare i saggi alla fiamma e i saggi alla perla. Gli anioni, invece, vengono identificati sulla base dei composti che possono formare. I saggi ai tubicini sono utilizzati per...

β-chetoacidi: sintesi, decarbossilazione

Sintesi e Decarbossilazione dei β-chetoacidi: Caratteristiche e Applicazioni I β-chetoacidi sono acidi carbossilici che presentano un gruppo carbonilico in posizione β, con l’acido 3-ossobutanoico noto come il più semplice dei composti del gruppo. Secondo la nomenclatura I.U.P.A.C., il gruppo carbossilico è prioritario rispetto al carbonile, con il gruppo >C=O considerato come gruppo funzionale secondario identificato dal suffisso -osso e da un numero che ne identifica la posizione lungo la catena, dove il carbonio carbossilico...

Acido ipocloroso: reazioni, usi

Acido ipocloroso: proprietà, reazioni e applicazioni L'acido ipocloroso, noto anche come acido monossoclorico (I) secondo la nomenclatura IUPAC, ha formula HClO ed è un acido debole presente solo in soluzione, con una costante di dissociazione di 3.0 ∙10-8 e una geometria molecolare tetraedrica simile a quella dell’acqua. L’acido ipocloroso può essere ottenuto facendo reagire il cloro con l'acqua secondo la reazione di disproporzione: Cl2 + H2O ⇄ HClO + HCl. Reazioni dell'acido ipocloroso L’acido ipocloroso è un...