Usi e Applicazioni della Rifrattometria

Tra le tante applicazioni della rifrattometria vi è il calcolo del grado zuccherino di liquidi, generalmente utilizzato dai viticoltori per determinare il momento migliore per la vendemmia, in modo da ottenere un prodotto di qualità superiore e con un maggiore grado alcolico.

Applicazioni della Riffrattometria

Nelle linee generali, le applicazioni della rifrattometria attengono sia all’analisi qualitativa tramite la quale si può stabilire l’identità di una sostanza incognita sulla base del suo indice di rifrazione che all’analisi quantitativa per determinare la concentrazione di una sostanza dissolta in un’altra.

Tra le applicazioni della rifrattometria vi è la determinazione della salinità degli alimenti e dell’acqua marina, oltre che per analisi accurate di molti campioni, tra i quali cibo, bevande, succhi di frutta, vino e birra, e la rilevazione di vari parametri e concentrazioni all’interno di fluidi biologici come urine e sangue.

In particolare, le applicazioni della rifrattometria si estendono alla determinazione dei grassi nella cioccolata, all’olio contenuto nelle olive fino alla determinazione del glicole etilenico nell’antigelo, oltre che nel processo di produzione di polimeri, come il polivinilcloruro, per determinare la concentrazione del solvente e la qualità del prodotto finale.

rifrazionerifrazione

Tipi di Riffrattometri

A causa della crescente richiesta del mercato, per soddisfare le molte esigenze sono stati realizzati diversi tipi di rifrattometri, oltre a quello tradizionale, che mirano a estendere e ottimizzare le varie applicazioni della rifrattometria.

Misurazione dell’indice di Rifrazione

La rifrattometria, che consiste nella misurazione dell’indice di rifrazione e delle misure della densità, è tra i metodi più antichi di analisi delle miscele binarie. La combinazione di metodi rifrattometrici con la misurazione di altre proprietà fisiche consente infatti di determinare la composizione di prodotti e oggetti biologici. Nonostante il rapido sviluppo delle apparecchiature analitiche, i metodi per determinare la concentrazione di sostanze basati sulla misurazione della loro densità e indice di rifrazione sono ancora richiesti, grazie alla loro semplicità e affidabilità.

Indice di rifrazione e Brix

L’indice di rifrazione è un numero adimensionale calcolato dal rapporto tra la velocità della luce nel vuoto e quella in un secondo mezzo di diversa densità.

indice di rifrazioneindice di rifrazione

L’indice di rifrazione è descritto come la velocità della luce in un mezzo rispetto alla velocità della luce nel vuoto e, poiché dipende sia dalla temperatura che dalla lunghezza d’onda della radiazione utilizzata, queste due grandezze vengono opportunamente indicate apponendo a destra di n un apice che indica la temperatura e un pedice che indica la lunghezza d’onda che è generalmente quella del sodio, indicata con D e corrispondente a 589 nm.

Per avere un quadro migliore della sua influenza sulla concentrazione, si comprende intuitivamente che quante più particelle o molecole sono contenute in una soluzione, tanto più lentamente viaggia la luce. Pertanto, una soluzione acquosa priva di particelle ha un indice di rifrazione inferiore rispetto ad una soluzione con 10 g di zucchero al cui interno la luce viaggia più lentamente.

Per questo motivo, l’indice di rifrazione può essere utilizzato sia per la determinazione quantitativa di una sostanza che per correlare il suo valore con la concentrazione che viene spesso indicata in Brix, in onore di Adolf Ferdinand Wenceslaus Brix. Il grado Brix (simbolo °Bx) corrisponde a 1 parte di sostanza solida dissolta in 99 parti di solvente per ottenere 100 parti totali di soluzione.

Determinazione degli zuccheri e applicazioni della rifrattometria

Tra le applicazioni della rifrattometria vi è la determinazione degli zuccheri durante i processi di vinificazione, in particolare per la determinazione della concentrazione di zuccheri nel mosto prima della fermentazione, che consente di prevedere il grado alcolico del vino.

L’indice di rifrazione di una soluzione è in genere funzione lineare della concentrazione secondo la relazione:
\[ n = n_0 + KC \]
dove \( n_0 \) è l’indice di rifrazione del solvente e \( K \) è una costante caratteristica del soluto.

curva di calibrazionecurva di calibrazione

Il metodo rifrattometrico può essere applicato a campioni con un volume di circa 0.1 mL. Pertanto, i rifrattometri possono essere calibrati con l’indice di rifrazione o direttamente con scale di concentrazione di zucchero. Ad esempio, spesso sono calibrati in Brix, parametro numericamente equivalente alla % saccarosio espressa in m/m; in questo caso, tali strumenti vengono utilizzati solo con soluzioni di saccarosio.

Quando sono disponibili solo scale dell’indice di rifrazione, sono necessarie tabelle per ottenere la concentrazione di saccarosio. A differenza degli strumenti più vecchi, i moderni rifrattometri sono controllati elettronicamente e teoricamente esenti da errori da parte dell’operatore. Le misurazioni vengono solitamente effettuate a 20 °C utilizzando la linea D del sodio come sorgente luminosa. Ovviamente, tali strumenti sono accurati solo per soluzioni di saccarosio puro, sebbene siano ampiamente utilizzati anche per alimenti contenenti altri zuccheri, come sciroppi di glucosio o zucchero invertito, poiché la lettura ottenuta può essere corretta se necessario.

Sullo stesso argomento

Selezione di un Riferimento Primario per le Analisi di Laboratorio

La scelta dello standard primario costituisce il punto di partenza per l’accuratezza di una titolazione. Le titolazioni consentono di conoscere la concentrazione di un...

Metodi alternativi per la determinazione di composti: una guida dettagliata

Gli standard secondari sono sostanze chimiche utilizzate in chimica analitica per determinazioni volumetriche che vengono standardizzate tramite l'uso di uno standard primario. Quindi, gli...

Leggi anche

Ruolo Cruciale delle Molecole di Segnalazione nel Sistema Immunitario

Le citochine sono glicoproteine che giocano un ruolo cruciale nel controllo della crescita e dell’attività di altre cellule del sistema immunitario e delle cellule...

Scopri l’Importanza dei Prodotti Naturali nel Migliorare la Salute Umana

I metaboliti secondari sono definiti come un gruppo eterogeneo di prodotti metabolici naturali che non sono essenziali per la crescita vegetativa degli organismi produttori,...

Evoluzione delle Monoammine: Implicazioni per la Neurobiologia e Nuovi Ambiti di Ricerca

Le monoammine, conosciute anche come ammine biogene, sono neurotrasmettitori che contengono un gruppo amminico collegato a un anello aromatico tramite una catena a due...